04 | 08 | 2020
Aggiornamento (04.07.2008) Stampa E-mail
Chiara ha iniziato ad essere il tramite per le adozioni a distanza dei bambini di Padre Sibi nel novembre del 2005 ed attualmente, quelle da lei seguite, sono circa 70.
Grazie a queste adozioni ed alle libere donazioni, è possibile aiutare Padre Sibi a sostenere sempre più bambini possibile negli studi e nella vita di tutti i giorni.
A lui vengono infatti portati (con preghiera di occuparsene) bambini in continuazione (praticamente tutti i giorni) ma, a causa dei posti limitati, è costretto ad accettare solo l’inserimento dei casi che reputa più gravi e bisognosi (anche se, nel Suo Cuore, ognuno di loro ha bisogno, perchè ha una situazione familiare disastrosa alle spalle!).
Attualmente la scuola materna è frequentata da ben 575 bambini, mentre alla casa i bambini sono ormai 73.
Per questo anno scolastico (iniziato il 16 giugno) sono stati aggiunti alcuni nuovi insegnanti fra i quali uno di educazione fisica, uno di musica, uno di disegno ed uno di danza.
Difficoltà
 
Visto il continuo aumento di bambini presso la struttura, è necessario sempre più cibo, più gas ed anche uno scuolabus tutto per loro, per fare in modo che ogni bambino possa frequentare la scuola con regolarità.
Il refettorio non è più sufficiente per ospitare tutti durante il pranzo.
Sono insufficienti anche gli spazi per poter dormire.
L'aula-yoga non è più adatta, quindi Sibi è costretto a dividere i bambini in due gruppi. I più grandi fanno yoga in cappella, mentre i più piccoli fanno yoga e meditazione con lui in sala-yoga.
Sibi ha tanti progetti per dare un po’ di luce e di serenità a tutti i SUOI FIGLI!

Progetti in itinere
 
Quelli che seguono sono alcuni dei progetti ancora in fase di attuazione:
  • realizzazione della strada davanti all’entrata della scuola;
  • realizzazione del palcoscenico per gli spettacoli, le recite e le feste di fine anno dei bambini;
  • realizzazione della tettoia per il palcoscenico (grazie alla quale l’area potrà essere utilizzata anche per tenere le assemblee);
  • spostamento dell’attuale ambulatorio verso Berigai (Berigai è una zona un po’ più strategica rispetto all’attuale, dato che è il punto di incontro di circa una ventina di villaggi);
  • acquisto di uno scuolabus per i bambini della casa. Poichè i bambini sono in molti, lo scuolabus a disposizione non è più sufficiente. Attualmente, infatti, lo scuolabus passa a prendere i bambini della casa solo dopo aver ultimato tutto il giro. Per questa ragione essi arrivano a scuola in ritardo (circa 20 minuti dopo tutti gli altri).
C’E’ BISOGNO ANCHE DEL TUO AIUTO!
Ogni singola goccia, se continua, può aiutare a dare vita ad un Oceano!
 
Copyright © 2020 All Is One. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
Cerca nel sito